A spasso al supermercato

10 febbraio 2006 § 5 commenti

In preda alla disperazione per la fine del caffè, dopo un giro di shopping compulsivo-malinconico (mi ha salvato solo la mia proverbiale tirchieria) decido di cominciare il sabato sera all’esselunga.
Entro. Giro con il mio cestino giallo raccattando roba inutile: tutto tranne il caffè, ovviamente.
Nel corridoio della carne vedo una faccia non nuova, un ragazzo carino, tra l’altro. Devo fare lo stesso effetto: ci muoviamo uno verso l’altro sorridendo. Quando siamo a due metri di distanza, probabilmente ci balena la stessa domanda: “ma chi cazzo è?.” E ce ne siamo andati via, ognuno per la sua strada, anzi, per il proprio corridoio.
Il dubbio ancora mi è rimasto.
Annunci

§ 5 risposte a A spasso al supermercato

  • Anonymous ha detto:

    Questa e’ una perfetta trama per un film. Pero’ il pubblico non ha pazienza, per cui la prossima volta devi andare a fare la spesa con abito da sera e tacchi alti per accelerare i tempi! -Francesco

  • Livietta ha detto:

    Pedala te dal supermercato a casa coi tacchi, un abito pieno di lustrini e paiettes (ogni abito da sera che si rispetti ne deve essere ampiamente dotato) e tre borse della spesa, poi ne riparliamo 🙂

  • Anonymous ha detto:

    Eh, no… Cosi’ e’ troppo facile! Quando siamo nel mondo delle assurde ipotesi, non si puo’ riportare tutto nella realta’.E poi se vuoi riportarlo nella realta’, puoi sempre andare in ciabatte e metterti i tacchi prima di entrare! Poi nascondi tutto in borsa ed il problema e’ risolto! Inoltre, non devi fare una spesa colossale, ma ad andare solo a comprare cose leggere ed ammiccanti. Ad esempio, in alcuni supermercati puoi comprare dei collant!Come vedi, le tue ostruzioni sono tutte risolubili. Attendiamo che tu vada all’attacco nella tua nuova tenuta da Esselunga.-FrIthaca

  • Livietta ha detto:

    Naaaa. Anche la tenuta da vamp porta ad un esito scontato. Inventatela meno credibile 🙂

  • Anonymous ha detto:

    Volevo essere credibile, perche’ pensavo che cosi’ lo potessi realizzare!Ma se vuoi qualcosa di inconcepibile e impraticabile, credo che non si debba cambiare nulla di quanto detto prima… A parte un solo elemento: le scarpe. Credo che per rendere la cosa impossibile basti richiedere che il tacco abbia almeno 12 centimetri e, soprattutto, devono avere 2-3 numeri SOTTO al tuo piede. In queste condizioni non saprei sei siano peggio chiuse o aperte. Dimmi tu quale…Ecco, con tutti questi requisiti, devi andare dal tuo uomo e anche se le lacrime scendono copiose, tu devi resistere e mai arrenderti. Pena l’intera proiezione di Dallas dal primo all’ultimo episodio, continuativamente, legata ad una sedia senza possibilita’ di fuga. Ovviamente, sempre con le scarpe assassine addosso.E’ irrealizzabile abbastanza ora?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo A spasso al supermercato su La Livietta.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: