Confessioni

29 ottobre 2013 § 1 Commento

Lo confesso, pratico con gusto turismo cimiteriale.

Adoro passeggiare tra lapidi e tombe, godere del silenzio e delle storie che aleggiano nei vialetti, osservare le statue e fotografarle.

In una calda domenica mattina di qualche anno fa, ho trascinato l’Augusto genitore, non particolarmente amante dei cimiteri, dentro il Verano a Roma, “un museo all’aperto”, come cita una delle pagine del sito dei cimiteri capitolini. In queste
vengono descritti i percorsi culturali possibili, i dettagli delle visite guidate e vengono messi a disposizione vari opuscoli stampabili.

Parto quindi alla volta della mia seconda visita al Verano, questa volta con amico fotografo: io con solo zaino e macchina, lui con zaino e cavalletto.

Un tizio ci ferma all’ingresso:

– Avete l’autorizzazione? Per fare foto ci vuole l’autorizzazione (e che ne sapevo? l’altra volta nessuno mi ha detto nulla!).

– No…non sapevamo ci volesse…dove si ottiene?

– Andate agli uffici laggiù e chiedete, è per la privacy!

Andiamo agli uffici laggiù, e mi viene detto che per l’autorizzazione, la persona responsabile riceve il martedì e il giovedì dalle 8.30 alle 12.30. Peccato che siano passate le 12.30 e che sia venerdì.

Non avevo letto nulla da nessuna parte (tranne poi scoprire impegnandomi molto l’articolo 100 del regolamento della polizia cimiteriale)… e dire che il problema me lo ero anche vagamente posto!  Niente cartelli all’ingresso, niente cartelli al punto di incontro delle visite guidate, niente di niente neanche sulla cartina, neanche scritto piccolo piccolo.

Me ne frego un po’ (come si vede qua sopra) e qualche scatto lo faccio. Ci fermano un altro paio di volte. Cambiamo giro per evitare il vigilante. Ho  l’ansia, ma scatto: non resisto, sono una turista cimiteriale del resto.

Tornati a Firenze, proviamo a telefonare al numero che siamo riusciti ad estorcere agli uffici laggiù: niente, non risponde nessuno. Rispulcio il sito, voglio in qualche modo pulirmi la coscienza. Niente, se non il citato articolo trovato tramite google.

Non resta altro che:

  • continuare a telefonare al cimitero di martedì e di giovedì fino a quando qualcuno non si degnerà di rispondermi;
  • pianificare la prossima spedizione, ma senza ansie e con la coscienza pulita.

 

Annunci

§ Una risposta a Confessioni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Confessioni su La Livietta.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: